HOME CHI SIAMO BLOG SPORT&MED IDONEITA' SPORT SPORT TRAINING MAPPA DEL SITO CONTATTI

 

TRAUMATOLOGIA NEL PATTINAGGIO A ROTELLE CORSA: UTILIZZO DELL'INTERX E DEL TAPING KINESIOLOGICO NEI PICCOLI TRAUMI DA SPORT

Rosario Bellia (Fisioterapista della F.I.H.P.; Insegnante Educazione Fisica) PER INFO, SCRIVETECI! - FOR INFO, CONTACT US!

 

 

INTRODUZIONE

Durante tutti questi anni di esperienza fatta come fisioterapista della nazionale italiana di pattinaggio a rotelle corsa, sia a livello nazionale che internazionale, ho avuto modo di conoscere metodiche nuove e interessanti, che poi ho cercato di approfondire ed applicare sia nell'ambito della nazionale che nella libera professione. Spesso durante i campionati europei e mondiali ci troviamo ad affrontare le problematiche degli atleti, che già sono presenti al loro arrivo (recidive o patologie mal curate) e quindi rendono il nostro compito ancora più difficile.

 

 

Fare il fisioterapista in manifestazioni così importanti è difficile, perché si deve riuscire a dare agli atleti risposte immediate e non approssimative: "poche chiacchiere, io devo essere al meglio alla linea di partenza ...", questa è la richiesta dell'atleta.

Con questa ottica di azione, durante la mia esperienza con atleti di alto livello e di grande esperienza, ho concentrato l'azione terapeutica su metodi efficaci e che offrono risultati immediati, chiaramente quando la patologia da affrontare lo permette, senza rischi per la salute dell'atleta.

Dopo una buona esperienza fatta nella mia libera professione, ho applicato il protocollo terapeutico oggetto di osservazione (combinazione INTERX - Taping Kinesiologico), durante i campionati europei svolti a Gera (Germania) nel mese di luglio e i campionati mondiali di Gjion (Spagna) nel mese di settembre, per affrontare le diverse patologie che presentavano gli atleti.

Il protocollo riabilitativo prevedeva l'utilizzo di diverse metodiche, ma le più utilizzate sono state: l'applicazione di INTERX e l'uso di bendaggi elastici, seguendo la metodica del TAPING KINESIOLOGICO.

I risultati sono stati apprezzabili, con diminuzione dei tempi di recupero e presenza di sintomi di intensità tollerabile in una buona percentuale dei casi trattati, specie durante le competizioni.

Nei vari protocolli riabilitativi, in base alle patologie da affrontare, si è fatto ricorso anche ad altre metodiche, che in modo sinergico hanno favorito l'azione terapeutica del protocollo base.

 

 

Le principali metodiche utilizzate sono state:

  1. utilizzo dell'INTERX (apparecchio per la neuro stimolazione interattiva)

  2. massaggio sportivo pre-gara e post-gara

  3. trattamento dei trigger e dei tender point (disattivazione)

  4. massaggio trasverso profondo

  5. massaggio funzionale

  6. "normalizzazione" articolare

  7. applicazione del TAPING KINESIOLOGICO (pre-gara e post-gara)

  8. terapia del freddo (ice o crema)

  9. cerotti medicati

 

GENERALITà SULL'UTILIZZO DELLO STRUMENTO INTERX

(dagli Atti del Congresso "InterX Therapy" - Fasano, luglio 2008)

 

 

    COSA è LA TERAPIA INTERX?

La Neurostimolazione interattiva fu inventata in Russia negli anni '80 da A.A. Karasev e negli anni seguenti fu ulteriormente sviluppata da un gruppo di scienziati di Taganrog per il programma spaziale sovietico. Gli inventori hanno ricevuto molti riconoscimenti dal governo russo.

Nel 1986 il primo strumento per la Neurostimolazione Interattiva, dopo l'approvazione del Ministero della Sanità, cominciò ad essere distribuito in Russia e dal 1995 in tutto il mondo. Nel 2004 questa tecnologia viene prodotta negli Stati Uniti, dalla Neuro Resource Group, con il nome di "InterXTherapy" e si sta diffondendo sempre più grazie alla semplificazione dell'interfaccia con l'utente ed alla qualità dei componenti utilizzati.

Viene utilizzato un dispositivo elettromedicale (InterX) che emette degli impulsi elettrici bifasici sinusoidali smorzati che, grazie al feedback interattivo, si modificano autonomamente a seconda dell'impedenza cutanea.

La Terapia InterX favorisce la Neuromodulazione Interattiva a livello del sistema nervoso centrale (ipotalamo e corteccia visiva del cervello) al fine di ottenere:

a) importante azione antalgica
b) attivazione del Sistema di Autoregolazione.
Essa attiva il nostro sistema di autoregolazione alla produzione di: neuropeptidi, peptidi regolatori, citochine etc. che favoriscono riduzione di Infiammazione, Edema e Dolore, con conseguente diminuzione dei tempi di recupero da un infortunio.

 

    PRINCIPALI CARATTERISTICHE DELLA TERAPIA INTERX

  • "Diagnosi" e Terapia

  • Impulso Interattivo

  • Stimola le fibre A (delta) e le fibre C

  • Effetto antalgico

  • Trattamento possibile a qualsiasi stadio del processo infiammatorio

  • Trattamento sinergico e possibile ovunque.

A) "Diagnosi"

InterX viene utilizzato per eseguire una scansione dell'area intorno ad un punto di dolore o di patologia per identificare le aree ottimali di trattamento (Aree Attive) che sono neurologicamente collegate al punto di dolore o alla patologia. InterX è in grado di riconoscere le alterazioni dell'Impedenza Cutanea e di conseguenza può essere utilizzato per localizzare i punti di trattamento ottimali.

 

Qual'è la relazione tra Impedenza Cutanea e neuro stimolazione Interettiva?

La cute fornisce:

  • evidenza fisiologica di una disfunzione interna

  • accesso terapeutico alla disfunzione

La capacità cutanea dinamica "evidenza/accesso" è un principio fondamentale della terapia InterX.

 

B) Terapia

- il trattamento può essere focalizzato in modo molto specifico a queste terminazioni nervose

- questa stimolazione ad alta densità di un'area attiva, è una delle ragioni per cui InterX è significativamente così efficace.

 

C) Impulso interattivo

Concetto di impulso Interattivo - impulso interattivo che si modifica autonomamente:

a) parametri controllati dall'elettrofisiologia cutanea: l'impulso si modifica autonomamente in funzione delle caratteristiche elettrofisiologiche della cute (impedenza), quindi ogni impulso è unico

b) evita l'adattamento dell'organismo alla terapia

c) ovvia ad un problema importante dei trattamenti fisici strumentali, la dosimetria, e non eroga trattamento in aree che non ne necessitano

d) ha una finestra d'azione a 360º.

Caratteristiche dell'impulso interattivo:

1) non a contatto con la pelle

Ad ogni impulso vengono emessi simultaneamente due stimoli:

- Micro Corrente Diretta e Alternata e MilliCorrente Alternata.

2) a contatto con la pelle

- ogni impulso è unico.

 

La forma d'onda sinusoidale bifasica smorzata è sensibile ai cambiamenti dell'impedenza cutanea.

La forma d'onda cambia in funzione delle alterazioni che legge nel tessuto.

I parametri variabili sono:

1) il voltaggio

2) lo smorzamento del picco
3) la frequenza interna.


Quale è il meccanismo d'azione?

Quando il programma di riparazione, controllato dal centro dominante cerebrale, non è abbastanza efficace possiamo ottenere più risultati usando le abilità del cosiddetto "extra cervello", costituito dalla cute.
Appoggiando o facendo scorrere InterX sulla cute si ottiene informazione della "disfunzione". Attraverso un'interazione dinamica tra InterX e organismo viene emesso un impulso elettrico specifico a seconda dell'alterazione riscontrata.
Tali impulsi riescono a stimolare le fibre A e C, che sono in grado di far arrivare il segnale specifico dell'alterazione a livello sottocorticale.
Quando il cervello riceve i segnali dal nuovo agente di stimolazione (gli impulsi elettrici), forma un nuovo centro dominante ed un nuovo sistema funzionale.
Questo sistema avrà il compito di ristabilire l'omeostasi.

 

 

Perché è cosi efficace?

 

1) corrente ad alta densità (Target):

  • trattamento non limitato dalla contrazione muscolare

  • corrente diretta in modo specifico ai recettori nervosi cutanei

  • efficace su tessuti profondi e traumi

  • spesso genera riduzione del dolore immediata, duratura e con effetti cumulativi

  • sollecita una risposta maggiore dell'organismo rispetto ad altri trattamenti, favorita da:

a) attivazione del Sistema Oppiaceo Endogeno
b) effetto cascata di Neuropeptidi/Citochina
c) risposta del Sistema Nervoso Centrale.

L'effetto Antalgico, derivante dalla Terapia InterX, è prodotto principalmente dall'attivazione del Sistema Oppiaceo Endogeno (cascata di citochine, encefaline, dinorfine, ect.) e per questo motivo:

- si evidenzia durante il trattamento
- permane al termine del trattamento
- spesso continua ad aumentare per un certo lasso di tempo dopo il trattamento.
L'effetto antalgico non viene ottenuto bloccando il dolore, ma evocando la risposta dell'organismo a produrre antidolorifici endogeni. Può essere utilizzato nei vari stadi del processo infiammatorio: grazie al programma specifico con la stimolazione interattiva, lo strumento permette al corpo la modulazione dello stimolo di cui ha bisogno per ristabilire l'omeostasi.

 

L'effetto antiedemigeno derivante è il risultato dall'incremento del flusso ematico e della riduzione della permeabilità dei vasi sanguigni.

 

L'effetto anti-infiammatorio è anche questo conseguenza della regolazione della circolazione sanguigna e dell'influenza dei neuro peptidi, della regolazione ormonale, ecc.

 

Indicazioni:

a) riabilitazione post chirurgica e post traumatica
b) necessità di riduzione dei tempi di riabilitazione da traumi sportivi ed altri traumi acuti
c) terapia antalgica, in caso di dolore acuto e cronico (con conseguente aumento dell'escursione articolare)
d) miglioramento della rieducazione neuro-muscolare
e) rilassamento muscolare e riduzione di crampi o spasmi muscolari
f) vascolarizzazione locale
g) neuropatie.
 

Controindicazioni:

a) pazienti con pacemaker cardiaco a stimolazione fissa
b) gravidanza
c) utilizzo su varici
d) posizionamento dell'elettrodo sul seno carotideo e/o trans cerebrale
e) pazienti soggetti a convulsioni
f) dolore non diagnosticato
g) uso sulle mucose
h) uso sui muscoli laringei o faringei.
 

Vantaggi

"L'INTERX è utilizzabile sia in modalità DIAGNOSTICA che in modalità TERAPEUTICA:

a) in modalità diagnostica, basandosi sulla lettura del livello di impedenza della cute, lo strumento individua con estrema precisione uno o più punti con impedenza alterata, indicando sul display l'indice di scostamento dai valori standard del paziente. Questo consente di localizzare con certezza il punto o la zona da sottoporre a trattamento, nonché di verificare a posteriori il risultato del trattamento stesso.

b) in modalità terapeutica, in base alla misurazione del livello di impedenza della cute, l'INTERX rileva e invia il segnale applicando un sofisticato sistema di interazione con il Sistema Nervoso: legge l'impedenza, elabora, invia il segnale, rilegge l'impedenza, elabora, invia un nuovo segnale modificato, e così via.

L'impulso elettrico inviato varia continuamente in base alla reazione che provoca nell'organismo. Durante il trattamento, gli elettromedicali tradizionali costringono l'organismo a ricevere un prefissato impulso per tutta l'applicazione obbligando il corpo ad un adattamento allo stimolo. L'INTERX, invece, si autoregola in funzione dell'avvenuto cambiamento accelerando così il processo di rigenerazione cellulare. Questo strumento innovativo è assolutamente privo di effetti collaterali indesiderati accertati.

 

 

CONCLUSIONI E RIFLESSIONI

La terapia fisica è in costante evoluzione in funzione del progresso della tecnica e dell'esperienza clinica tenuto conto dell'ampia incidenza delle patologie dell'apparato locomotore e della relativa inadeguatezza delle terapie disponibili in diversi casi. L'ampia scelta terapeutica, farmacologica e fisica, disponibile sottolinea la difficoltà di trovare una terapia ideale nel trattamento dell'infiammazione e del dolore. D'altra parte in generale, ed in medicina dello sport in particolare vi è l'esigenza di trovare non solo una terapia efficace, ma anche una terapia che risolva il problema nel più breve tempo possibile.

La proposta quindi di nuove apparecchiature per il trattamento del dolore non può che essere vista con interesse anche quando i presupposti scientifici possano non essere del tutto chiari. La storia dell'elettroterapia è ampia e comprende strumentazione con nomi e caratteristiche più diverse, dalle correnti continue a quelle alternate a quelle pulsate con forme d'onda rettangolari, sinusoidali, triangolari monofasiche o bifasiche, con frequenze variabili da 3 a migliaia di Herzt, con durata del singolo impulso da microsecondi a decimi di secondo (Low e Reed, 2000; Gatto e al., 2000). Tutte si basano sugli stessi presupposti scientifici: l'impulso elettrico stimola i tessuti eccitabili, cioè nervi e muscoli, con effetti diretti ed indiretti. Nell'area di applicazione si verifica in genere una vasodilatazione cutanea dovuta a riflesso assonico e rilascio di sostanze istamino-simili.

Quando l'organismo è in equilibrio e armonia, il cervello controlla il lavoro di tutto il corpo. Se c'è qualche disfunzione, il cervello indaga e pianifica un miglioramento della situazione. Non appena succede qualcosa al corpo (per esempio, una dannosa quantità di acido lattico o una contrattura muscolare) lo stato dell'organo coinvolto, cambia: avremo, quindi, una infiammazione acuta dei tessuti coinvolti.

Dapprima i segnali del cambiamento dello stato della zona saranno inviati al cervello attraverso le vie nervose. Il cervello riceve l'informazione, dopo di ché inizia l'analisi. Quindi, la parte di cervello che ha ricevuto l'informazione, elabora un piano su come reagire. Viene creato il centro di dominio che diventerà il controllore principale del processo continuo che regolerà questa riorganizzazione.

Dobbiamo ricordare che un'importante funzione del corpo è il principio del mantenimento dell'omeostasi.

Questo significa che tutti parametri nel corpo, come il livello medio degli enzimi tissutali, il pH del sangue ecc. sono mantenuti ad un livello di equilibrio. Questi parametri sono ciò che chiamiamo "rapporti corretti". Quando questi parametri sono aggiornati per qualsiasi ragione, il sistema che corregge la situazione deve iniziare il suo lavoro. Questo processo è chiamato sistema funzionale, ed è generato e attivato ogni volta che c'è bisogno di un ritorno all'omeostasi. Successivamente, quando la stabilità è raggiunta, il sistema funzionale si annulla.

Se qualche fattore di disturbo crea uno squilibrio nel corpo, lo speciale sistema funzionale si occupa di riportare il corpo allo stato di salute.

A volte la persona non si accorge nemmeno di questo processo; in altri casi possiamo vedere che questa reazione del corpo avviene attraverso il processo di malattia e guarigione. È il motivo per cui diciamo che la malattia è una reazione adattativa del corpo. La reazione adattativa viene terminata dall'organismo stesso portando a completamento la guarigione, secondo la natura del soggetto. Tuttavia ci sono molte ragioni per cui il corpo non può risolvere il problema da solo.

Possiamo dire che lavoriamo in una forma di dialogo che utilizza il principio del biofeedback. Con l'aiuto dello strumento noi chiediamo al corpo: "Dove sono le tue zone attive?". Lo facciamo quando valutiamo l'impedenza della pelle e alcune altre caratteristiche che appaiono durante l'utilizzo dell'INTERX: la comparsa di iperemie o l'attrito che l'elettrodo produce scorrendo sulla pelle. Dopo aver ottenuto queste importanti informazioni diagnostiche, con questo trattamento induciamo un cambiamento nel tempo, nel modo e con la quantità di energia appropriata, seguendo dei protocolli appropriati.

Non appena riceve i segnali dal nuovo agente di stimolazione (gli impulsi dell'INTERX), il cervello forma un nuovo centro dominante ed un nuovo sistema funzionale. Questo sistema deve eliminare i cambiamenti nell'omeostasi, che appaiono dopo che il nuovo stimolo ha influenzato il corpo.

Ora, la porzione di pelle sottoposta a trattamento raggiunge un nuovo stato che rappresenta il risultato dell'informazione proveniente dall'organo cambiato, influenzato dallo strumento. Il sistema funzionale di nuova formazione lavorerà "in opposizione" sia all'INTERX che alla patologia dell'organo. Quando solleviamo lo strumento dal corpo il sistema funzionale proseguirà il suo lavoro solo con l'organo disturbato. Ma avremo un nuovo sistema con nuove risorse di guarigione per il corpo.

Questo è il vero innovativo approccio alla patologia utilizzando InterX.

 

 

 

 

GENERALITà SUL BENDAGGIO ELASTICO "TAPING KINESIOLOGICO"

 

Questa tecnica viene in aiuto per ristabilire gli equilibri dell'organismo che presenta una "perturbazione" dello stato di salute. è un metodo che risulta efficace nelle varie fasi delle attività sportive:

- prima: per prevenire il riacutizzarsi dei danni che l'atleta aveva avuto in precedenza

- durante:

a) per dare sostegno per il muscolo indebolito

b) ridurre l'affaticamento

c) ridurre i crampi

d) aumentare l'ampiezza di movimento (ROM).

e) migliorare gli allineamenti articolari imprecisi dovuti a spasmi

f) sostenere i tendini indeboliti o infiammati.

- dopo [nella fase riabilitativa (tecniche: allungamento, drenante, sostegno)]:

a) per migliorare la circolazione sanguigna e linfatica (per rimuovere la congestione circolatoria)

b) per ridurre l'infiammazione e le sostanze chimiche presenti

c) per attutire il dolore stimolando il sistema inibitore discendente (sistemi analgesici endogeni)

d) per ridurre gli allineamenti imprecisi causati da spasmi (problemi articolari)

e) per normalizzare il tono muscolare e migliorare la ROM.

Questo metodo è basato sul processo di guarigione naturale, che assistendo il corpo nell'attivazione
dei processi fisiologici dei tessuti traumatizzati, lo riporta nello stato di salute.
 

Tutti gli organismi hanno una capacità innata (determinata geneticamente) di auto-regolazione che permette il raggiungimento di un equilibrio omeostatico e di una possibilità di auto-guarigione.
In risposta ad un'aggressione esterna, il corpo inizia un processo di "riparazione-rimodellamento" attraverso la risposta infiammatoria.
 

CENNI STORICI

Il taping elastico è stato ideato nel 1973 da un chiropratico giapponese e poi divulgato in tutto il mondo. Nel 1988 fu usato alle Olimpiadi di Seoul e cosi divulgato negli USA. Nel 1998 tale metodologia fu introdotta in Europa. Inizialmente usata in ambito sportivo, oggi il 25% nello sport e il 75% in riabilitazione generale.
Gli sport nei quali si usa di più oltre al pattinaggio sono: atletica leggera, ciclismo, nuoto, tennis.

 

 

è essenziale, per un ripristino tissutale, che durante gli stadi precoci di un traumatismo si applichino metodi che stimolano la circolazione dei liquidi (sangue e linfa) nell'area interessata. In questo modo si facilita l'allontanamento delle componenti nocive dal luogo da guarire e viceversa l'avvicinamento delle sostanze benefiche. Nel secondo giorno, i fibroblasti locali e migrati iniziano a sintetizzare la matrice collagena necessaria a guarire i tessuti.

 

 

Screening test: prima dell'applicazione del nastro bisogna sempre eseguire lo screening test per evitare dei risultati inefficaci.
 

"La fascia può essere considerata come un labirinto che permette il passaggio da una zona qualunque del corpo ad ogni altra senza mai abbandonare la fascia stessa" (Upledger). Questa continuità fasciale introduce al concetto di globalità, dove il corpo è tutt'uno e le varie parti sono tutte in rapporto le une con le altre: l'approccio globale del paziente si contrappone a quello sintomatico.

 

1) Osservazione funzionale: osservazione delle catene muscolari per evidenziare eventuali retrazioni mio-fasciali.

2) Valutazione posturale: analisi delle deviazioni ed asimmetrie.

3) Bilancio articolare: valutazione di quali articolazioni possono più facilmente andare incontro ad alterazioni o, in caso di limitazioni già instaurate, valutare la possibilità di ridurle.

4) Osservazione cutanea: presenza di arrossamenti e di zone a rischio come cicatrici, sporgenze ossee (gibbo, scapole alate, orizzontalizzazione del sacro, speroni ossei, ecc.). Retrazioni e turgori, temperatura cutanea. Ipertonia del tessuto connettivo.

 

L'ostruzione della circolazione dei fluidi può derivare da fattori intrinseci (all'interno dei tessuti) od a fattori estrinseci, che esercitano una pressione interna. Il processo infiammatorio è il fattore principale di "perturbazione" della circolazione dei fluidi, e dà origine dopo la fase acuta a:
- aderenze

- contratture
- squilibri muscolari

- edema interstiziale.
 

La superficie corporea coperta dal taping inesiologico forma convoluzioni nella pelle che aumentano lo spazio interstiziale e, riducendo la pressione, permettono al sistema linfatico e sanguigno di drenare liberamente i fluidi. Si viene cosi a creare un "volano" di azioni che permettono al corpo di auto guarirsi biomeccanicamente.
 

    FUNZIONI BASE DEL TAPING KINESIOLOGICO

A) funzione muscolare: normalizzare il tono muscolare con le tecniche adeguate
B) funzione sensitiva: decomprime le terminazione nervose "schiacciate" e diminuisce il dolore
C) funzione linfatica: riducendo la pressione interstiziale, attiva un flusso linfatico verso la zona in cui la pressione si è ridotta

D) funzione articolare: correzione dell'asse fisiologico; stimolando la propriocezione migliora la mobilità.

 

Trattamenti consigliati prima di applicare il taping kinesiologico: prima di confezionare il taping kinesiologico si applicano delle manovre per cercare di normalizzare il tono muscolare perturbato:

1 mobilizzazione della fascia e manovra di scollamento delle membrane interossee coinvolte (metodo di L. Stecco)

2 "normalizzazione" delle articolazioni interessate

3 massaggio trasverso profondo del ventre muscolare scollandolo dalle altre fibre (metodo Cyriax)

4 massaggio funzionale con allungamento e compressione perpendicolare del ventre muscolare

5 disattivazione dei trigger point attivi anche a livello dell'inserzione

6 drenaggio linfatico manuale; la combinazione di terapie manuali e linfo-taping garantisce un trattamento ottimale degli edemi linfatici.

 

 

 

PRESENTAZIONE DEI DATI OTTENUTI

 

Vengono riportati di seguito i dati riferiti alle patologie degli atleti, mettendo in evidenza le metodiche utilizzate e i risultati ottenuti (si precisa che 6 atleti sono stati trattati per tre patologie e 5 per due e quindi vengono conteggiati come casi diversi, anche se le persone sono le stesse, per avere dei dati statistici più precisi riferiti alle patologie).

Questo studio non ha la presunzione di avere una valenza altamente scientifica, ma sicuramente può dare una valida indicazione di massima.

 

I parametri di valutazione che sono stati presi in considerazione sono stati:

a) la VAS: scala analogica del dolore

b) la ROM: ampiezza articolare del movimento.

 

    METODI E STRUMENTI

Abbiamo preso in considerazione soggetti di età variabile dai 16 agli 28 anni di ambo i sessi (più 3 "Master" di 50 anni) praticanti attività sportiva agonistica ad alto livello, portatori di patologie dolorose dell'apparato muscolo-scheletrico che si sono presentate durante i campionati europei e mondiali di pattinaggio a rotelle corsa, svolti nel luglio e settembre 2008.

Si sono riscontrate sia patologie acute che patologie croniche interessanti vari segmenti corporei. Le patologie cervicali sono risultate per lo più esiti di micro-traumatismi e/o di origine posturale (30%); le patologie lombari sono state (40%) causate da sovraccarico funzionale.

Nel caso dell'arto inferiore, dove si è riscontrata la più alta incidenza di patologie, il problema più diffuso (70%) è stata la patologia del compartimento anteriore della gamba (sindrome del tibiale anteriore) e dei muscoli peronieri.

Nell'area del ginocchio si è trattato in particolare di condropatie (8%) e sindromi da sovraccarico funzionale (30%). Per quanto riguarda la caviglia: borsite dei malleoli (30%), tendiniti (15%); per il piede: metatarsalgie (20%) (origine posturale, micro-traumatica – calzature -, patologie congenite).

 

 

Scheda riassuntiva di rilevazione complessiva

 

Numero di casi trattati:

1- numero complessivo: 51

2- femmine: 18

3- maschi: 33

Età compresa fra i 16 e i 28 anni (+ 3 "Master" di anni 50)

 

Patologie per distretto anatomico:

1- arti superiori: 0

2- arti inferiori: 33

3- colonna vertebrale: 20

4- altro: 2

 

Tipo di patologia:

1- muscolari

       - infiammatorie:

a) contratture: 17

b) "risentimenti": 2

c) mialgia da fatica: 17

d) trigger e tender point: 9

       - lesioni indirette:

a) distrazioni muscolari: 2

2 - articolari: 15

3 - capsulo-legamentose-tendinee, borsiti: 9

 

Tipo di trattamento con InterX:

a) acuto: 45

b) cronico: 1

c) sport: 4

 

Accessori utilizzati:

- elettrodo fisso: 36

- dualflex: 9

- multiflex: 8

- sfere grandi: 2

 

Terapie aggiuntive:

1- taping kinesiologico: 45

2- massaggio: 27

3- normalizzazione articolare: 12

4- ghiaccio: 4

 

Valutazione della VAS (%):

- subito dopo il trattamento

 

Valutazione della VAS (%):

- dopo 3 giorni

 

Valutazione della ROM (%):

- subito dopo il trattamento

 

Valutazione della ROM (%):

- dopo 3 giorni

 

CONCLUSIONI

L'esperienza fatta quest'anno con gli atleti della nazionale italiana di pattinaggio corsa, utilizzando oltre alle tecniche convenzionali di riabilitazione sportiva, lo strumento elettromedicale INTERX e la tecnica di bendaggio elastico TAPING KINESIOLOGICO è stata molto positiva.

I risultati sono stati soddisfacenti sia durante i campionati europei svolti a luglio a Gera (Germania), che durante i campionati mondiali svolti a Gijon (Spagna).

Esaminando i dati raccolti:

- VAS: subito dopo il trattamento il 50% degli atleti hanno riferito un "dimezzamento" del dolore. Nella valutazione ripetuta dopo tre giorni, circa il 50% ha riferito una remissione completa del dolore e il rimanente una ulteriore significativa diminuzione del dolore.

- ROM: subito dopo il trattamento e dopo tre giorni, il miglioramento della mobilità articolare segue l'andamento del miglioramento della VAS.

Gli atleti dopo le applicazioni con INTERX, nella maggioranza dei casi, hanno riferito una immediata diminuzione del sintomo dolore. Per "stabilizzare" il miglioramento è stato applicato il TAPING KINESIOLOGICO (nella fase di gara in modalità stabilizzante; nella fase post-gara in modalità decompressiva).

Considerato l'obiettivo di ristabilire l'equilibrio omeostatico, che viene perseguito da entrambe le tecniche prese in esame, possiamo concludere, che l'azione ottenuta dall'uso di entrambe è "sommativa" e utile per affrontare e risolvere con maggior rapidità gli stati infiammatori e l'edema.

 

 

Si può quindi affermare che l'abbinamento del trattamento con INTERX e del TAPING KINESIOLOGICO è risultato avere un'azione sinergica nell'affrontare i problemi legati alla piccola traumatologia dello sportivo.

Non è stato valutato l'effetto a lungo termine dei trattamenti essendo gli atleti al termine dell'impegno sportivo, tornati alle loro sedi di appartenenza.

 

BIBLIOGRAFIA

  1. Atti del Congresso InterX Therapy - Fasano, luglio 2008

  2. A.V. Tarakanov, E.G. Los: Il meccanismo multifattoriale algico e l'effetto antalgico della neuro-stimolazione interattiva - Università statale di medicina di Rostov-na-Donu – RUSSIA

  3. P. Massetti: Nuovo approccio diagnostico e terapeutico in traumatologia sportiva - Ascoli Piceno

  4. G. Raymond, J. Danowski, J.C. Chanussont: Traumatologia dello sport – Ed. Masson Milano, 2000

  5. P. Di Leo: Cinesiologia correttiva e rieducativa - Ediz. Scientifiche Verduci, Pavia, 1996

  6. G. Santilli: Atlante di traumatologia dello sport per il medico pratico - Ediz. Nattermann, 4° edizione, Milano, 1991

  7. S. Lachmann: Lesioni dei tessuti molli in medicina dello sport - Ediz. Momento medico, Roma, 1989

  8. B. Anderson: Stretching - Ediz. Mediterranee, Roma, 1982

  9. R. Bellia: Lo stretching nel karate - Stampato in proprio, Bergamo, 1989

  10. R. Bellia: Analisi biomeccanica del pattinaggio a rotelle - Pubblicato nel sito: www.fihp.org/corsa, 2006

  11. F.H. Netter: Atlante di anatomia fisiopatologia e clinica - Ciba-Geigy Edizioni, Milano, 2003

  12. R. Bellia: Il kinesio taping: un metodo molto efficace anche nel pattinaggio a rotelle specialità corsa - www.simonebellia.com, 2006

  13. P. Marcelloni: La tecnica del pattinaggio in linea - Editrice Stampa Nova, Jesi, 2005

  14. R. Bellia: La sindrome del compartimento anteriore della gamba, un male che affligge tanti pattinatori - www.simonebellia.com, 2005

  15. Ferrari, Pillastrini, Vanti: Riabilitazione integrata delle lombalgie - Ed. Masson, Milano, 2002

SITOGRAFIA

  1. www.kinesiobellia.wordpress.com

  2. www.tapingkinesiologico.wordpress.com

  3. www.simonebellia.com

  4. www.sportmedicina.com

  5. www.fihp.org/corsa

  6. www.interx.it

  7. www.mundopatin.com

  8. www.gijon.com

 

BLOG SPORT & MEDICINA

Alimentazione e Sport
Cardiologia e Sport
Esercizi
Integratori e Doping
Omeopatia e Medicina Naturale
Parliamo di ...
Parliamo di Sport
Posturologia
Psicologia e Sport
Riabilitazione e Sport
Sport e Diversamente Abili
Sport Training
Traumatologia e Sport
Tutela Sanitaria Sport
Web Tv

 

 

 

Condividi

 

 

 

ULTIMO AGGIORNAMENTO PAGINA 06 NOVEMBRE 2008

 

ALLENAMENTO ECCENTRICO ] ALLUCE VALGO ] APPLICAZIONE TAPING KINESIOLOGICO NELLA TRAUMATOLOGIA SPORTIVA ] AUTOMOBILISMO - PATOLOGIE ] COLONNA E SPORT ] COLONNA VERTEBRALE E CARTELLA ] COMPARISON OF TWO TREATMENTS FOR COXARTHROSIS ] CONDROPATIE ] DIAGNOSTICA STRUMENTALE DELLE TENDINOPATIE ] DISTORSIONE DI CAVIGLIA ] EPICONDILITE OMERALE ] FIBROMIALGIA ] FRATTURA METATARSALE DA STRESS ] IPERCIFOSI DORSALE ] IPERLORDOSI LOMBARE ] KINESIO TAPING ] KINESIO TAPING E FASCITE PLANTARE ] KINESIO TAPING E SINDROME TIBIALE ANTERIORE ] KINESIO TAPING E TENDINE D'ACHILLE ] KINESIO TAPING: PIEDE CAUSATIVO E ADATTATIVO NEGLI SPORTIVI ] LA PUBALGIA DELLO SPORTIVO ] LESIONI MUSCOLARI NELLO SPORT ] MIOSITE OSSIFICANTE ] NOVITA' NELLA TERAPIA AD ONDE D'URTO ] OSTEOPOROSI ] PATOLOGIA CRONICA APPARATO LOCOMOTORE ] PATOLOGIE PIEDE NEL PATTINAGGIO ] PELVIS FRACTURES IN SPORTS ] PREVENZIONE INFORTUNI: SHIATSU E STRETCHING ] PUBALGIA E PATTINAGGIO ] RACHIALGIE SPORT - LINEE GUIDA ] SIMMETRIA SPINTA ARTI INFERIORI ] SINDROME FEMORO ROTULEA ] SINDROME TIBIALE ANTERIORE ] SINDROMI COMPARTIMENTALI ] SISTEMA NECK BALANCE D.M. ] SPECIALE COLONNA VERTEBRALE ] SPONDYLOLYSIS AND SPONDYLOLISTHESIS ] TAPING ] TERAPIA A ONDE D'URTO ] TRASPOSIZIONE APOFISI TIBIALE TENDINE ROTULEO ] [ USO DELL'INTERX E DEL TAPING KINESIOLOGICO NEI PICCOLI TRAUMI DA SPORT ] TAPING KINESIOLOGICO: IL METODO KOREANO ]

 

PUBBLICITA'

ADVERTISING